Metrovia: cos’è e come può cambiare il trasporto a Roma

Metrovia 2021 è un progetto che ha l’ambizione di rivoluzionare la mobilità della capitale, avvicinandola agli standard delle grandi città europee.

Metrovia 2021 è un piano del ferro di grande impatto: l’esperienza e il confronto con le altre realtà europee dimostrano infatti che solo una rete integrata su ferro (servizi metropolitani, metrotranviari e ferroviari) migliora l’efficienza dei trasporti di un centro urbano di vaste dimensioni.

Ma, in una città come Roma, un piano come questo non può puntare solo sullo scavo. Non solo per le peculiarità storiche ed archeologiche (quelle tutto sommato aggirabili con il cosiddetto metodo Roma), ma per la conformazione urbanistica della città: Roma è troppo estesa e diradata Roma è troppo estesa e diradata e le metropolitane sotterranee diventano molto più onerose rispetto alle altre grandi capitali.

E allora?

Innanzitutto le metropolitane di superficie

Innanzitutto: Roma ha bisogno di mettere in connessione fisica, funzionale visiva ciò che già esiste: le linee di metropolitana esistenti e le tratte urbane delle ferrovie (treni regionali, ferrovie concesse, una linea merci).

L’idea di Metrovia è semplice e realizzabile: riutilizzare le infrastrutture ferroviarie che attraversano Roma. Sul tracciato urbano delle ferrovie possono nascere 6 linee di metropolitane di superficie. Più precisamente: 6 linee di treni allestiti come metropolitane che effettuano un servizio da metropolitane in termini di frequenza, portata, velocità.

In questo modo, si potrà creare un sistema davvero efficiente e integrato fra le 3 metropolitane esistenti (più la quarta linea prevista, la cosiddetta Metro D, M10 nel sistema Metrovia) e 6 linee nuove di superficie, metropolitane nate sul tracciato urbano delle ferrovie.

Poi la maglia ausiliaria di metrotram

E poi, Roma poi bisogno di completare questa connessione con una maglia ausiliare su ferro. Non i semplici tram che scontano i limiti imposti da percorrenze a tratti promiscue, rallentate da incroci e attese ai semafori. Ma Metrotram di moderna concezione: veloci, regolari, efficienti.

Risultato: una rete integrata su ferro

Quindi, Metrovia 2021 non è solo un insieme di 10 linee di servizio metropolitano. Metrovia 2021 è un sistema integrato in cui queste 10 linee si inseriscono in una nuova rete più vasta e capillare che comprende:

Il tutto compatibile con il sistema delle ferrovie regionali e il Leonardo Express già esistenti.

Una potenziale rivoluzione della mobilità urbana è a portata di mano, realizzabile nella sua parte essenziale in 10 anni.

Il cuore di Metrovia è lintervento sulla rete ferroviaria. E si può fare.

Si può fare, rendendo quattro tratte urbane del tutto indipendenti (e quindi prive di incroci con gli altri treni) senza incidere sui traffici ferroviari di Alta Velocità e lunga percorrenza.

Si può fare, adeguando queste tratte urbane ad un servizio metropolitano, connesso in grande sistema di mobilità su ferro.

Si può fare, incrementando gli snodi tra metro e ferrovia, portandoli a 27. Veri nodi di scambio, con veri collegamenti: tapis roulants, gallerie.

Si può fare, con limitati interventi, senza cantieri invasivi, in massima parte senza scavi e a costi ridotti.

La Metrovia (sistema integrato di 10 linee metropolitane e di una ferrovia urbana circolare) sarà diversa e migliore dalla situazione attuale (3 linee metro e 8 tratte ferroviarie urbane che non si parlano) anche perché:

· nessun treno pensato per il pendolarismo, a causa della conformazione delle linee e dei convogli, potrà mai uguagliare la frequenza di un servizio metropolitano vero, e 2 minuti di attesa invece di 7 fanno la differenza in una grande città;

· nessun convoglio pensato per il pendolarismo (corridoi stretti, sedute frontali, portelloni di apertura) si adatterà mai al trasbordo veloce e sicuro di un treno con le stesse caratteristiche di una metropolitana;

· nessun convoglio pensato per il pendolarismo potrà mai avvicinarsi alla capacità di carico di una metropolitana.

Il piano Metrovia 2021 è una rete del ferro integrata ad alta efficienza (metropolitane e metrotram) che ha un caratteristica essenziale: è realizzabile per fasi.
La scalabilità del progetto – attuabile in tre fasi successive – presenta vantaggi sostanziali in una città come Roma:

  • i lavori cominciano subito, sul sedime ferroviario, senza grandi impatti sulla circolazione e senza “blocchi”
  • offrono risultati in tempi ragionevoli: non si scava
  • compensano la tempistica prolungata necessaria al completamento del piano delle metro ipogee.

Al termine del primo quinquennio in particolare, possiamo avere pronto un primo grande nucleo di linee su ferro che, anche grazie alla sinergia di percorsi metrotranviari quanto più possibile complementari alle metropolitane, cominciano a cambiare sensibilmente il modo di muoverci, a valorizzare nuove piazze e strade, a offrire occasioni per riannodare il tessuto sfilacciato delle periferie.

Un approccio scalare dunque, con benefici immediati, su cui costruire le successive fasi di completamento di tutto il sistema.

Metrovia è stato sviluppato dallo studio Arsena architettura, in collaborazione con uno staff di professionisti, ma non è un progetto chiuso. È un progetto aperto, pronto a verificare, approfondire ed eventualmente accogliere i suggerimenti dei cittadini di tutti i municipi. Perché i cittadini conoscono il loro territorio meglio di chiunque altro.

Questo processo ha consentito a Metrovia di risultare di gran lunga il progetto preferito dai romani, tra quelli proposti dai cittadini sul portale del PUMS. Ed oggi, alla sua seconda revisione, ha raggiunto quella spinta e quel grado di maturità necessari per affacciarsi ai tavoli di enti e istituzioni.

Per saperne di più: